Festa nazionale del 25 aprile.

da | Apr 25, 2020 | News, slides | 0 commenti

 

“Una mattina…”. Bastano due parole, sulle note di una canzone la cui origine è avvolta nel mistero, a risvegliare un moto di ideali che non conoscono barriera linguistica. L’universalità di Bella ciao è data dai valori fondamentali che trasmette: libertà, pace, solidarietà. Non c’è partito politico, degno di essere definito tale, che li possa criticare. Non c’è persona che non riconosca la potenza simbolica di una sepoltura, in cima alle montagne, «sotto l’ombra di un bel fior». Una potenza che trova il suo compimento sulla melodia che si perpetua da 75 anni nelle rivoluzioni, nelle proteste in ogni angolo del mondo.

Così come la festa della Liberazione è la festa di tutti gli italiani repubblicani e democratici, Bella ciao è il canto di ogni essere umano che creda in questi due concetti. Fa sempre bene ripeterli: repubblica e democrazia. Ed è questo il motivo per cui gli spagnoli contro il regime franchista, i palestinesi rinchiusi a Gaza, gli studenti di Istanbul a Gezi park, i giovani durante le Primavere arabe fino agli attivisti di Fridays for Future hanno cantato Bella ciao nelle proprie manifestazioni. E nell’emergenza che stiamo vivendo, i vigili del fuoco inglesi hanno voluto mandare un messaggio di solidarietà all’Italia intonando il canto partigiano.

clicca sull’immagine in alto